Home page Notizie
Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarc…

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ ai membri dell’episcopato, del clero, ai monaci e alle monache e a tutti i fedeli figli e figlie della Chiesa ortodossa russa

Eminenze ed Eccellenze Reverendissime,

reverendi sacerdoti e diaconi,

venerabili monaci e monache, cari fratelli e sorelle,

CRISTO È RISORTO!

Rivolgendomi a voi con questo saluto vivificante, mi congratulo cordialmente con tutti voi per la grande e salvifica festa di Pasqua. In questo giorno annunciato e santo, siamo ricolmi di tale gioia spirituale e immensa gratitudine a Dio, sentiamo così chiaramente la potenza e la profondità dell'amore del Creatore per l'uomo, che a volte è difficile trovare altre parole per esprimere i nostri sentimenti, tranne quelli con cui le donne mirofore si precipitarono per annunciare agli apostoli il meraviglioso evento dell’incontro con il Signore.

Si può solo immaginare quanto sia stato difficile per i discepoli del Salvatore credere nella realtà della risurrezione. Dopotutto, poco tempo fa’ loro videro con i propri occhi la passione e la crocifissione del loro amato Maestro. Ancora freschi erano i ricordi di come il Suo Corpo morto e senza vita fu deposto nella tomba e come la fredda grotta fu chiusa con una pietra pesante. Ed ecco invece il dolore è sostituito con l'affermazione della fede e del trionfo della vita, e le lacrime di tristezza si trasformano in lacrime di gioia.

L'esperienza vissuta di comunicazione reale con Cristo risorto e l'intramontabile gioia pasquale ispirò e incoraggiò gli apostoli che andarono sino ai confini della terra per predicare il perdono dei peccati e la salvezza, ricevuti da noi per mezzo del Signore Gesù, risorto dal sepolcro. Non avendo paura delle avversità e delle persecuzioni crudeli, subendo difficoltà e disavventure, gli apostoli testimoniarono coraggiosamente e incessantemente Cristo, il Vincitore della morte.

Già da due millenni la Chiesa vive quest’annuncio della Risurrezione, cercando di estenderlo ad ogni uomo che viene nel mondo (Gv 1, 9). Nella luce della Pasqua tutto risulta diverso: sparisce la paura e il senso di disperazione, provenienti dal dolore, tristezza e afflizioni della vita. Anche le circostanze difficili di questo tempo travagliato perdono la loro minacciosa asprezza nell’ottica dell’eternità che ci è stata donata.

Per testimoniare del Salvatore risorto, non è affatto necessario spostarsi o andare in qualche luogo lontano, come fecero gli apostoli che diffusero l’annuncio pasquale in tutto il mondo. Ci sono molte persone intorno a noi che hanno bisogno di un esempio vivo della fede cristiana che opera per mezzo della carità (Gal 5,6). Dio non richiede da noi imprese insopportabili. Ci chiede solo di dimostrare amore gli uni verso gli altri, ricordandoci che proprio così dimostriamo il nostro amore per Lui. Un sorriso gentile, l’attenzione e sensibilità verso chi sta accanto a noi, qualche parola di consolazione e sostegno a volte possono essere le cose più importanti che possiamo fare per l’amore di Cristo risorto.

Oggi, quando il mondo è lacerato da conflitti e contraddizioni, mentre nei cuori di molte persone dominano l'odio, la paura e l'inimicizia, è particolarmente importante non dimenticare la propria vocazione cristiana e dimostrare l’autentico amore per il prossimo, che guarisce le ferite inflitte dal male e dalla menzogna. Non possiamo cedere alla tentazione del nemico del genere umano, che cerca di distruggere la benedetta unità tra i cristiani ortodossi. Prego ferventemente il Signore Gesù, il Vincitore della morte, e chiedo anche a voi di elevare a Lui le preghiere intense, perché ogni ostacolo sia vinto così che possa trionfare una pace duratura, e le ferite della divisione siano sanate dalla grazia divina.

Porgendo a tutti voi gli auguri di buona Pasqua, invoco su di voi la benedizione di Cristo risorto e vi auguro, miei cari, l’intramontabile e luminosa gioia pasquale che ci rafforza nella fede, nella speranza e nella carità. Per la misericordia di Dio possa questa luce non estinguersi mai nei nostri cuori e risplendere sempre nel mondo (Matteo 5:14)! E possiamo anche noi, santificati incessantemente dalla Parola di Dio, la lettura del Vangelo e la grazia divina, dataci attraverso la partecipazione ai sacramenti della Chiesa, crescere costantemente nella conoscenza del Signore e sentirci rafforzati nel compimento dei Suoi comandamenti, perché gli uomini, vedendo la luce delle nostre buone opere, glorifichino il nostro Padre celeste (Matteo 5:16) e testimonino insieme a noi che

CRISTO È VERAMENTE RISORTO!

+KIRILL,

Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’

Pasqua del Signore 2022


In altre lingue:

Condividere:
Il Patriarca Kirill: preghiamo perché gli ostacoli esterni e temporanei non distruggano la nostra unità spirituale

29.05.2022

Il Santo Sinodo ha creato una commissione per analizzare la situazione della diocesi di Vilnius e della Lituania

27.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

27.05.2022

Auguri di Papa Francesco a Sua Santità il Patriarca Kirill per il suo onomastico

24.05.2022

Il Patriarca Kirill: il nostro gregge si trova sia in Russia che in Ucraina; preghiamo con fervore per la restaurazione della pace

18.05.2022

Commento del Servizio di comunicazione del Dipartimento per le relazioni esterne in merito all'intervista di Papa Francesco al Corriere della sera

04.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha avuto un colloquio con il Primate della Chiesa ortodossa serba

27.04.2022

Messaggio pasquale di Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ ai membri dell’episcopato, del clero, ai monaci e alle monache e a tutti i fedeli figli e figlie della Chiesa ortodossa russa

23.04.2022

L'assistenza ai rifugiati e ai civili feriti in Ucraina è stata discussa alla riunione del Santo Sinodo

25.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

24.03.2022

Condoglianze di Sua Santità il Patriarca Kirill per la morte delle persone in un incidente aereo nel sud della Cina

21.03.2022

Discorso di Sua Santità il Patriarca Kirill alla riunione del Consiglio Supremo della Chiesa ortodossa russa il 18 marzo 2022

18.03.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del  Consiglio Supremo della Chiesa ortodossa russa

18.03.2022

Ha avuto luogo una conversazione di Sua Santità il Patriarca Kirill con l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby

16.03.2022

Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha avuto un colloquio con Papa Francesco

16.03.2022

Il presidente del DECR ha visitato l'Accademia teologica di San Pietroburgo

24.06.2022

Il metropolita Antonij: la crescita dell’estremismo rappresenta una minaccia per la sicurezza dei santuari cristiani comuni in Terra Santa

17.06.2022

E’ stato nominato il nuovo presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne

07.06.2022

Il metropolita Hilarion: i tentativi di spaccare la comunità ortodossa in Lituania sono destinati a fallire

06.06.2022

Si è conclusa la visita di lavoro del metropolita Hilarion di Volokolamsk in Ungheria

06.06.2022

Il metropolita Hilarion ha visitato l’Ungheria

03.06.2022

Il metropolita Hilarion ha commentato il riconoscimento della Chiesa macedone da parte del Sinodo del Patriarcato di Costantinopoli

31.05.2022

Il metropolita Hilarion: quanto sta accadendo nella Chiesa ortodossa ucraina va inteso nel contesto della pressione senza precedenti, esercitata su di essa

29.05.2022

Il metropolita Hilarion: l'unità tra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa ortodossa ucraina viene mantenuta

28.05.2022

Il Santo Sinodo ha creato una commissione per analizzare la situazione della diocesi di Vilnius e della Lituania

27.05.2022

Sua Santità il Patriarca Kirill ha presieduto una riunione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa

27.05.2022

Il metropolita Hilarion: le relazioni fra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa cattolica romana continueranno a svilupparsi

24.05.2022

Il metropolita Hilarion: prima o poi sarà trovata una soluzione che permetterà di guarire le ferite inflitte al corpo dell’Ortodossia mondiale

24.05.2022

Il metropolita Hilarion ha incontrato la dirigenza dell’organizzazione umanitaria inter-cristiana ACT Alliance

13.05.2022

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha incontrato l’Arcivescovo Crisostomo di Cipro

12.05.2022

Commenti

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Invia un messaggio
Рус Укр Eng Deu Ελλ Fra Ita Бълг ქარ Срп Rom عرب